8 motivi per cui Timberland è ecosostenibile

five-models-wearing-timberland-sustainable-clothing

 

Il modo in cui consumiamo moda ha un forte impatto sul nostro ambiente e purtroppo, tra offerte allettanti e il desiderio di stare al passo con gli ultimi trend, la sostenibilità non è il nostro primo pensiero quando facciamo un acquisto.

Timberland vuole fare la sua parte semplificando per te il compito di effettuare scelte eco-consapevoli quando devi acquistare abbigliamento e calzature. In questo articolo troverai una lista di otto motivi per cui i prodotti Timberland sono green.

 

1. La plastica e la gomma riciclate

Essendo gli stivali il nostro prodotto di punta, abbiamo ritenuto doveroso renderli il punto focale del nostro cambiamento. Nel 2007 abbiamo lanciato lo stivale Earthkeepers, il nostro prodotto che più di tutti rispetta l’ambiente. Ogni paio è stato realizzato con plastica di bottiglie per la fodera, gomma riciclata e pelle conciata utilizzando metodi più ecosostenibili.

Nel 2019, per la produzione di quasi tutte le scarpe Timberland, sono stati utilizzati in parte componenti riciclati, organici o rinnovabili (ROR), e ci siamo posti come traguardo del 2020 l’utilizzazione di almeno uno di questi materiali ROR per tutte le calzature che produciamo.

Dai un’occhiata ai nostri nuovi scarponcini da uomo 6-inch ReBOTL™ (inserire il link alla PLP quando sarà online),

 

 

 

2. Il cotone ecosostenibile

Nel 2018, il 75% del cotone adoperato per il nostro abbigliamento è stato ricavato in modo sostenibile e il nostro obiettivo è di arrivare ad utilizzarne il 100% certificato biologico, riciclato o equosolidale, di origine americana o con certificazione Better Cotton tramite BCI entro il 2020.

Ogni capo della nostra collezione Earthkeepers in cotone biologico ha per lo meno un componente realizzato in un morbidissimo tessuto contenente almeno il 50% in cotone biologico. Ciò significa che il cotone viene coltivato senza prodotti chimici o additivi, bensì utilizzando procedimenti e materiali ecosostenibili per mettere in chiaro da che parte stiamo quando si parla di moda etica.

 

timberland-tops-hats-caps-gloves

 

 

3. L’approvvigionamento della pelle

Dal 2011 la nostra politica sull’approvvigionamento della pelle è quella di rifornirci da concerie che hanno ricevuto una classificazione argento o oro da parte della Leather Working Group. La certificazione LWG viene rilasciata alle concerie che hanno dimostrato di mettere in atto le migliori pratiche e prestazioni ambientali.

Inoltre, abbiamo interrotto l’approvvigionamento del cuoio proveniente da nazioni o regioni in cui abbiamo riscontrato che viene praticato lo sfruttamento o il maltrattamento degli animali. Entro il 2020 faremo in modo che tutta la pelle che usiamo verrà acquistata soltanto da concerie che hanno ottenuto una classificazione argento o oro dalla LWG.

 

4. Il Programma Second Chance di riciclo calzature

Ogni anno, i paesi UE producono 12,2 tonnellate di rifiuti tessili e oltre la metà di questi finisce nelle discariche o negli inceneritori. Il nostro programma Second Chance offre una soluzione a questo problema, contribuendo a evitare la messa in discarica di calzature inutilizzate e offrendo ai nostri clienti un modo semplice e gratificante di fare una cosa buona per l’ambiente.

Le scarpe che non si desidera più utilizzare possono essere portate in uno dei punti vendita Timberland che aderiscono all’iniziativa e lasciate negli appositi contenitori Second Chance per dare loro una seconda possibilità tramite l’organizzazione benefica Traid. Per incentivare l’adesione al programma, daremo ai nostri clienti, ogni volta che donano delle calzature, un coupon sconto del 10% da utilizzare per gli acquisti successivi! 

 

5. L’iniziativa Plant the Change 

Timberland riconosce il potere degli alberi per migliorare la qualità del pianeta e del nostro benessere individuale. Ecco perché l’azienda si è assunta l'impegno di piantare 50 milioni di alberi in tutto il mondo nei prossimi 5 anni, in collaborazione con sette organizzazioni mondiali che hanno aderito alla nostra campagna ‘Plant the Change’.

 

guy-standing-in-timberland-hat-coat

 

6. L’energia rinnovabile

La nostra svolta green non si limita solamente alla scelta dei materiali che adoperiamo per produrre i nostri prodotti, ma è evidente anche nel nostro processo di fabbricazione: alla fine del 2017 il nostro utilizzo di energia rinnovabile si è attestato al 29% e puntiamo ad arrivare al 50% entro il 2020, riducendo anche del 10% l’uso complessivo di energia.

 

7. Rifiuti Zero 

La riduzione degli sprechi sta diventando sempre più importante vista l’enorme quantità di scarti tessili che finiscono nelle discariche. Timberland si è posta l’obiettivo di diminuire la produzione di rifiuti del 95% entro il 2020, e conta di arrivare a non generarli del tutto.

 

guy-timberland-jacket

 

8. 100% no PVC 

Tutti noi siamo consapevoli degli effetti dannosi della plastica sull’ambiente e di quanto siano devastanti soprattutto per l’ecosistema marino e per la fauna ittica. Il PVC, data la sua durabilità e il suo peso leggero, è un tipo di plastica largamente usato da molti anni, ma purtroppo estremamente inquinante.

Entro il 2020, ci siamo prefissati di abbandonare totalmente l’utilizzo del PVC e dei suoi derivati per i nostri prodotti a favore di altri materiali come i polimeri a base acquosa. Nel 2013, l’8.9% delle calzature Timberland conteneva componenti in PVC, ma alla fine del 2018 nel 97% delle nostre scarpe non ve ne era traccia.

 

two-girls-two-boys-timberland

 

Timberland ha preso l’impegno di rendere il pianeta un posto migliore sia realizzando prodotti innovativi ed ecosostenibili, che partecipando a iniziative green e mettendosi a disposizione della comunità. Scopri i nostri capi ecosostenibili.

Related Content